Aiutaci da lassù a ritrovare un po’ di pace e serenità

Dom, 23/12/2018 - 17:20

Caro papà, sembra ieri ma è già trascorso un anno da quando quel 19 dicembre sei volato in cielo. Una data difficile da dimenticare, che rimarrà per sempre scolpita nel nostro cuore. Per te ha segnato l’inizio di una nuova vita, ove spero che regni tanta pace, serenità e felicità, circondato dalle persone che ti hanno sempre amato; mentre per noi ha segnato l’inizio di una vita piena di dolore, priva di stimoli ma piena di ricordi… Sì, papà, ora per sentirti vicino e tenere viva la tua memoria non ci rimane altro che aggrapparci ai bellissimi ricordi… che, seppur con difficoltà, ci permettono di andare avanti. Molto spesso io devo chiudere gli occhi e immaginare che tu sia accanto a me, che mi riempi di baci e abbracci, e non solo… ogni tanto, di nascosto, apro l’armadio, dove abbiamo lasciato tutto com’era per annusare il profumo che hai lasciato sui tuoi abiti preferiti; abiti che abbiamo custodito gelosamente. Dicono che il tempo è la medicina che cura ogni male, ma per noi questa medicina ancora non ha fatto effetto. Credo che non ci si abitui mai all’assenza di un genitore, ma a conviverci con tanta amarezza nel cuore. Sì papa, perché da quando te ne sei andato, niente è più come prima. Ci manchi tantissimo, aiutaci tu da lassù a ritrovare un po’ di pace e serenità. Con infinito amore, i tuoi cari.

Rubrica: 

Notizie correlate