Amministrative Locri, due domande ad Alfonso Passafaro (Tutti per Locri)

Mar, 21/05/2013 - 19:41
"Programmare per rendere Locri vivibile"

1. Quali gli errori del passato che hanno condotto Locri in questa situazione di empasse?

2. Quale il primo “intervento” da intraprendere, se eletti, per ovviare alla difficile situazione economica dell’Ente?

 

«Io non parlerei di errori del passato perché era un altro modo di gestire gli Enti pubblici, c’era la disponibilità di molti più fondi. Negli ultimi anni tutto è stato rivoluzionato e ancora degli altri ce ne vorranno per assestarsi. Oggi le amministrazioni si devono gestire con quello che sostanzialmente ricavano dai propri bilanci. Un tempo la prassi era diversa, hanno ed abbiamo gestito per come ti consentiva la legge. Un esempio è la gestione dei bilanci nei quali, per farli quadrare, si inserivano residui passivi quando già si sapeva che molti di quei debiti non si sarebbero mai incassati, questo la dice lunga sul differente approccio. Alla fine credo che non si siano fatti grandi errori e i soldi sono stati spesi per costruire strade e fornire servizi  a Locri. Tutto oggi è cambiato come nel privato così nel pubblico e con quello che si riesce ad incassare ci si deve gestire. Io ritengo che Locri ce la possa fare tranquillamente con il Piano di rientro e con quanto incasserà dai tributi, senza, però, tartassare i cittadini. Sono della teoria che con le persone ci deve essere un continuo confronto e accordo su ciò che si decide di fare per il bene della Città».
«Programmare e rendere Locri vivibile da tutti i punti di vista, dare la possibilità ai cittadini di dilazionare l’eventuale debito, in considerazione della crisi che stiamo vivendo. Certo la prima cosa è quella di ridare decoro alla città. Ci dovremmo occupare dell’ordinario, ma poi questo dovrà camminare in modo autonomo e l’attenzione politica dovrà concentrarsi sul futuro, portando la  città ad alti livelli. Abbiamo dentro e fuori la lista persone che hanno voglia di  dare una mano per Locri, professionisti che, indipendentemente dal ruolo faranno la propria parte. Un ringraziamento va a tutti perché sono vicini a questa lista civica, molto equilibrata, donne  e uomini che vanno oltre il possibile assessorato. Anche da consigliere si può dare una grande mano e di questo ne siamo consapevoli tutti. L’obiettivo è quello di risanare le finanze, ma non ci piangeremo addosso e le feste a Locri, tanto criticate in passato, nonostante tutto e con l’aiuto di imprenditori locali si faranno, se possibile anche di più».

Rubrica: 

Notizie correlate