Ancora una volta alla mia ditta viene impedito di lavorare in occasione del Borgo Incantato

Dom, 18/08/2019 - 17:00
Riceviamo e pubblichiamo

Il 4 luglio ho presentato e protocollato presso il Comune di Gerace una richiesta per partecipare, con 2 trenini turistici e 2 pullmini, al Borgo Incantato, evento che si sarebbe svolto nei giorni 26, 27 e 28 luglio.
Il 9 luglio ho ricevuto una mail da parte del Responsabile del Settore "Manutenzioni, Vigilanza, Commercio e Servizi Esterni" del Comune di Gerace, in cui mi si richiedevano le targhe dei mezzi da voler utilizzare per effettuare il servizio di trasporto.
L'11 luglio ho risposto alla mail elencando quanto richiesto.
Il 26 luglio, data di inizio dell'evento, intorno alle 17:00 mi è stata consegnata dai vigili l'autorizzazione rilasciata dal Comune di Gerace per un solo trenino turistico, denominato "Trenino Lillipuziano". Oltre questo trenino, la mia ditta avrebbe effettuato il servizio di trasporto passeggeri con un altro mezzo per il quale non è richiesta alcuna autorizzazione da parte del Comune, dal momento che ha licenza di circolare a Gerace tutto l'anno.
Dopo alcune corse effettuate dal trenino Lillipuziano, intorno alle 19, i carabinieri hanno fermato il mezzo chiedendo all'autista i documenti e l'autorizzazione ad effettuare il servizio. L'autista consegna quanto richiesto ma i carabinieri gli riferiscono che l'autorizzazione era stata revocata. Al che l'autista risponde: "E allora sequestratemi il mezzo". Ma la replica dei carabinieri è singolare: "Non possiamo, perchè stando ai documenti che ci ha fornito è tutto in regola". Nel frattempo, però, giungono i vigili (del cui arrivo i carabinieri erano stati molto probabilmente avvisati in anticipo) e notificano la revoca appena protocollata presso il Settore Manutenzioni, Vigilanza, Commercio e Servizi Esterni del Comune di Gerace. L'atto di revoca non ne specificava le motivazioni. Probabilmente dal Comune, vedendoci circolare con due trenini, si sono resi conto che avremmo potuto intaccare i loro introiti.
Mi chiedo pertanto per quale ragione ogni anno, in occasione del Borgo Incantato, la mia ditta non riesce a lavorare senza intoppi?
Mi viene da pensare che da questa manifestazione voglia trarne beneficio solo il Comune che per poter parcheggiare l'auto ha richiesto 5 euro e 1 euro per il servizio navetta, effettuato dalla Mediterranea Bus. Il problema è che non si è stati in grado di capire che da sola la Mediterranea Bus non avrebbe potuto far fronte all'enorme affluenza dei visitatori, che hanno dovuto aspettare a lungo alle fermate sia all'andata che al ritorno, non riuscendo a salire sui mezzi della Mediterranea, troppo affollati soprattutto tra le 9 e le 11, tanto che è dovuta intervenire la polizia per ristabilire la calma.
La vigilanza era presente solo nell'area parcheggi a pagamento, tanto che in prossimità del borgo le auto venivano parcheggiate ovunque, invadendo la carreggiata e creando una strada a senso unico. Altro che successo del Borgo incantato: i disagi e i problemi sono stati nascosti.
Ritengo che la mia ditta abbia subito dei danni, in quanto il provvedimento di revoca ha comportato per la stessa notevole perdita economica. Per tale motivo ho già sporto denuncia tramite il mio avvocato, al fine di ottenere il giusto risarcimento.

Autore: 
Maria Giovanna Sassone
Rubrica: 

Notizie correlate