Braccialetto elettronico rotto: “boss” affitta casa per rendersi reperibile

Sab, 13/07/2019 - 18:00
Riceviamo e pubblichiamo

“Fuori dal carcere Nicola Bonavota, (da ben due mesi…) presunto killer della omonima cosca di Sant'Onofrio (VV) , che abbiamo avuto il 'privilegio' di intervistare , ai domiciliari con braccialetto. Che ne dice Matteo Salvini?” Lo scrive sul suo profilo twitter Klaus Davi. Il Bonavota è potuto tornare a vivere a casa, benché due suoi fratelli siano latitanti e sia accusato di reati gravissimi. Basta un braccialetto elettronico per assicurare alla comunità  che non commetta altri reati e non uccida altre persone? Klaus Davi aggiunge particolari : poiché nella sua villa di Sant’Onofrio il braccialetto non prendeva, ha avuto il ‘privilegio’ di affittare una casa (chissa chi paga l ‘ affitto e se lo paga ) per essere ‘reperibile…..

Rubrica: 

Notizie correlate