Chi non sceglie lascia il potere alla folla. E la folla sceglie Barabba

Sab, 25/05/2019 - 18:00

SFRAMELI presenterà il suo nuovo libro, ‘Ndrangheta Addosso, sabato 25 maggio c.m., alle ore 18:30, a Bovalino (RC), presso Caffè Letterario “Mario La Cava”. Un nuovo percorso del Tenente dei Carabinieri (r), sino a pochi mesi fa Comandante e Insegnante di Protone della Scuola Allievi Carabinieri di Reggio Calabria, alle dipendenze gerarchiche del Colonnello Nicola Lorenzon, Comandante dello stesso Istituto di formazione. Sframeli, giornalista-pubblicista, è decorato di Medaglia d'Oro Mauriziana al merito, nonché della distinzione onorifica di Cavaliere e Ufficiale al merito della Repubblica Italiana, conferite entrambe dal Presidente della Repubblica. Alla presentazione sarà presente il Dott. Ezio Arcadi, P.M. della Procura della Repubblica di Locri nei tempi bui della Calabria martoriata dai sequestri di persona, da efferati omicidi, da tutti quei reati che la ‘ndrangheta compiva per investire nel business del narcotraffico di sostanze stupefacenti. A contrastare il fenomeno poco conosciuto, a Locri, erano i due P.M. Ezio Arcadi e Carlo Macrì; i Giudici Istruttori Vincenzo Pedone, Domenico Ielasi, Salvore Rizza; Liliana Gaeta al giudicante; Luciano Gerardis, Pretore a Caulonia. Modererà Mimmo Calabria, responsabile del Caffè Letterario, genero del noto scrittore e maestro Mario La Cava.  Si prevede un pomeriggio intenso, in considerazione che la gente di Bovalino in quegli anni subì diciotto sequestri di persona a scopo d’estorsione. Fu negli anni ’80 che la ‘ndrangheta tenta di fermare le indagini colpendo a morte il Comandante della Stazione Carabinieri di San Luca (RC), Brigadiere Carmine Tripodi e il Comandante della Stazione Carabinieri di Platì (RC), Brigadiere Antonino Marino. La Calabria, inerme e vittima, era assoggetta, in una crudele morsa, dalla criminalità mafiosa (ormai sistema economico di potere) e dalla inefficienza di tante istituzioni, ma animata dalla grande forza della gente onesta che edificava ciò che il crimine distruggeva. L’Aspromonte e il mare, i paesi e le fiumare, i boschi e le caverne, nei ricordi dei sequestratori e dei tanti sequestrati; I paesi delle coste del Mar Jonio e Tirreno, la storia e il mito, la fuga di tanta gente onesta e l’ostinazione di chi restò. “Occorre esserci nati per amarla, tanto è piena di pietre e di spine”, dice Corrado Alvaro della sua terra. L’autore aggiunge che per amare questo mondo non è sufficiente predicare o agire bene, ma è necessario mettere in conto anche l’eventualità di perdere la vita. Ed è Saverio Strati a sostenere: "Quella del Sud è una terra ingrata e graffiata anche dalla malasorte, dove uomini ed animali hanno convissuto e hanno fatto parte dello stesso mondo". L’autore: “”Ogni problema, una volta risolto, sembra semplice e facile; la vittoria è il risultato di una serie di piccoli successi passati inosservati. Intrigo e invidia albergano come parassiti nell’anima di quegli uomini che si arrogano il diritto, sostituendosi a Dio, come i killers della ‘ndrangheta, di decidere sull’esistenza altrui, senza avvertire l’ironia con cui il destino scrive anche la loro vita, ogniqualvolta che l’inevitabile bussa alla porta. Mostrano pregi da maestri, ma agiscono proiettando l’anima all’autodistruzione. Sena paura delle delusioni, conoscendo il potere e la forza dell’amore, con audacia quotidiana, riesco a curare le ferite con eroismo, con rassegnazione, con coraggio, non riuscendo ad assistere all’ingiustizia, alla sofferenza altrui, con indifferenza e, senza giudicare nessuno, sono nel mondo per servire la gente di Calabria. Ringrazio tutti coloro che hanno permesso di realizzare la presente pubblicazione, ai tanti amici e compagni di viaggio, ma in speciale modo a coloro che, nel tentare di opprimermi, hanno spinto ancora più in alto il mio pensiero, rinvigorito la mia anima, consolidate le mie idee. Dice Papa Francesco: “Educare non è un mestiere, ma un atteggiamento, un modo di essere; per educare bisogna uscire da se stessi e stare in mezzo ai giovani, accompagnarli nelle tappe della loro crescita mettendosi al loro fianco’””.

Chi non sceglie lascia il potere alla folla. E la folla sceglie Barabba. Sempre.
Roberto Benigni

Notizie correlate