Il Coisp reggino denuncia le gravi mancanze negli uffici di polizia della costa Ionica | Riviera Web

Il Coisp reggino denuncia le gravi mancanze negli uffici di polizia della costa Ionica

Mar, 13/09/2011 - 17:03
Raffa (COISP): "Il Governo si dimentica della Polizia di Stato nella Locride".
Il Coisp reggino denuncia le gravi mancanze negli uffici di polizia della costa Ionica

Prosegue la campagna di denuncia e di sensibilizzazione "P.S. Pressing", ideata e messa in atto da qualche settimana dalla Segreteria Provinciale di Reggio Calabria del Coisp - il Sindacato Indipendente di Polizia – con un’ulteriore denuncia delle gravi problematiche che affliggono gli uffici dislocati nell’area ionica reggina. “I problemi che oggi vivono i sei uffici di Polizia ionici ubicati sui 100 km della provincia di Reggio Calabria sono molteplici, vanno dall’elevata carenza di personale, alla mancanza di apparecchiatura informatica”. A sostenerlo è Gaetano Raffa, Segretario Provinciale del Coisp reggino insieme a tutta la struttura locale.
“Numerosissime sono le segnalazioni di disagio dei poliziotti che giungono in segreteria – sostiene Raffa – che provengono dagli uffici ionici”. “Situazioni denunciate – continua il Segretario Provinciale – ai limiti della resistenza fisica”. A incrementare queste difficoltà sono confluite anche le operazioni che i poliziotti di Siderno hanno dovuto sostenere in concomitanza degli sbarchi. Infatti il personale del Commissariato di Siderno, sotto organico, già impegnato in tantissime attività di polizia necessarie per il vasto territorio di competenza, ha fronteggiato carichi di lavoro di oltre 12 ore al giorno per vigilare e collocare presso i Centri di Accoglienza gli extracomunitari sbarcati sulla costa ionica. Addirittura l’emergenza, sull’emergenza degli sbarchi ha portato a caricare ulteriormente una aliquota di personale degli uffici ionici di un servizio di accompagnamento in ambito europeo durato due giorni continuati senza interruzione e cambio. Attività che riduce all’estremo il fisico di qualsiasi poliziotto.
“Le situazioni sono gravi anche nei Commissariati di Bovalino e Condofuri – specifica il segretario Raffa- dove mancano computer efficienti, autovetture funzionanti, materiale di cancelleria e un adeguato numero di personale per affrontare le difficili problematiche criminali del territorio”.
“Le situazioni segnalate sono veramente importanti e gravi – sottolinea Raffa- se si tiene conto delle carenze di risorse umane, mezzi e attrezzature idonee”.
Questo stato di disagio potrebbe esporre le dirigenze degli uffici predetti a fare svolgere ai colleghi servizi in deroga anche all’Accordo Nazionale Quadro cosa che il Coisp – come qualsiasi altro Sindacato di Polizia- non deve permettere che si verifichi.
Il Coisp sarà molto attento e vigile e impedirà qualsiasi violazione al vigente Accordo Nazionale Quadro.

Rubrica: