La Calabria 2ª regione più virtuosa nell’impiego dei fondi per l’agricoltura

Mer, 24/04/2019 - 17:40

“La Calabria è tra le regioni più virtuose nell’utilizzo dei finanziamenti per lo sviluppo rurale dietro al Veneto. Un dato molto positivo che attesta il forte impegno per la politica agricola nella nostra terra”. Lo afferma la candidata del PD alle politiche europee per la Calabria del prossimo 26 maggio Lucia Anita Nucera, in riferimento alla spesa dei fondi dello Sviluppo rurale per la programmazione 2014 - 2020. “La Regione Calabria ha portato avanti un lavoro eccellente nel settore agroalimentare e sta raccogliendo i frutti di una programmazione attenta ed oculata. Un cambio di passo importante che allontana i soliti stereotipi che vedono il Mezzogiorno fanalino di coda nell’utilizzo dei fondi comunitari. Un dato confermato anche dalla consultazione on line che sarà attiva sino a fine mese e consentirà ai cittadini di interagire ed esprimere la loro opinione”. Questi risultati dimostrano che il trend è cambiato, i cittadini calabresi hanno maggiore fiducia. “Il presidente Oliverio – prosegue Lucia Nucera - ha portato avanti un lavoro meticoloso teso a valorizzare i fondi europei per spenderli bene. In passato, abbiamo assistito a finanziamenti a pioggia che hanno portato al nulla di fatto. Invece, grazie alla programmazione virtuosa messa in campo dalla Regione Calabria si è arrivati ad avere ricadute importanti sul territorio nel settore dell’agricoltura. I miglioramenti hanno riguardato anche la burocrazia, il lavoro svolto è stato incentrato sulla semplificazione e il supporto da parte della Regione, per agevolare l’accesso da parte dei soggetti interessati per una politica comune agricola. Lo sviluppo del secondo pilastro della politica agricola europea sarà determinate nel superare alcune criticità del territorio”.

Rubrica: 

Notizie correlate

Nicola Morra: "Ostentando il rosario in Calabria, Salvini ha inviato messaggi alla 'ndrangheta"

Mar, 20/08/2019 - 18:00
Nel suo intervento di pochi minuti fa in senato Nicola Morra ha dichiarato: "Il ministro Matteo Salvini ha avviato un tour, non un pellegrinaggio, ed è venuto anche in Calabria, a Isola Capo Rizzuto e Soverato, ostentando pubblicamente il rosario. Ora in terra di Calabria, e qui parlo da presidente della commissione antimafia, ostentare il rosario, votarsi alla Madonna, lì dove c'è il santuario cui la 'ndrangheta ha deciso di consegnarsi, il santuario della Madonna di Polsi, significa mandare messaggi in codice a certe forze che soprattutto uomini di Stato, in particolar modo ministri degli interni, debbono combattere, e non favorire. Ma sicuramente è stato per ignoranza, non per intenzione, perchè voglio concedere che in Italia ci sono 60 milioni di innocenti fino a prova contraria, quindi Matteo Salvini l'ha fatto senza sapere cosa stesse facendo. Quindi Padre, perdonalo perchè non sapeva quello che faceva".