Leggi antisismiche e' tempi di Borbone.

Gio, 12/09/2013 - 17:36

U sapìavu ca a Calabria è na terra sismica? E puru a Sicilia? Bonu, e puru i l’Abbruzzu a jiri pe sutta, cioè tuttu u territoriu i l’ex regno delle due Sicilie. ‘Nto 1783, esattamenti u 5 febbraiu, na scossa i terremotu distruggìu na randi parti du territoriu i l’interu imperu, e sulu ‘nta Calabria si ‘ndeppiriu 30.000 morti. Ora vui vi penzati ca ancora mo ‘ndi portamu i danni (tipo cu’ terremotu i l’Aquila, chi doppu decenni non ficiru nenti?Mica era l’Emilia Romagna! Ca L’abbruzzu è sud). Eh no, cari lettori. Ferdinando IV ci tenìa o’ regnu e attivàu subitu nu pianu i soccorsu e ricostruzioni di zoni martoriati, cercandu puru u trova metodi innovativi ‘nta costruzioni di casi novi, pemmu evita u si ripeti mata nu disastru comu a chigliu. A prima cosa chi u rre fici fu u m’alloggia i superstiti ‘nta baracchi momentaneamenti,a secunda fu a bonifica du territoriu e a ricostruzioni di centri urbani, spessu rilocalizzati a na via menu a rischiu sismicu. Pemmu cogghi i sordi Ferdinando IV fici na cosa chi sulu mu si penza mò, ti mandanu o’ mpernu: istituìu a Giunta da Cassa Sacra a Catanzaru, (chi era già capoluogo da Calabria Ultra) e misi all’asta i beni da chiesa pe’ terremotati. E fu tandu chi si trovàu nu metodu i costruzioni chi consistìa u si jungi cementu e lignu, pemmu si duna cchù elasticità di mura. Dui terremoti si ‘ndeppiru cchju avanti, ‘nto 1851 e 1857, ma u cchiù spaventosu fu chigliu famosu di 1908 chi distruggìu Riggiu e Messina. Si potti vidiri ca molti di “novi” costruzioni fatti di Borbone restaru ‘mpedi, e atti cattiru, speci pe’ via di maremoti chi si ‘ngoiaru tuttu u strittu cu 3 ondi ca a cchiù arta fu a terza ed era atra 15 metri .Vi immaginati n’onda i 15 metri davanti a vui? Beh, cocchi casa resistìu ‘mpedi. Ed era costruita cu i normi anti sismici ideati i l’ingegneri borbonici. Ma chiglia era già Itaglia dù 1861, e i geni itagliani decidìru u abbandonanu i legislaturi anti sismici di Borbone pemmu u sunnu sostituìti cu chigli “itagliani”? Eh si, comu potiti vidiri, pe nui fu n’affari i chigli bboni veramenti u passamu i nu patruni a n’attu, pecchi chistu succedìu.

Autore: 
Serena Iannopollo
Rubrica: 

Notizie correlate