Locri: ancora senza servizi, la famiglia Panetta-Galluzzo si rivolge al Prefetto

Dom, 16/06/2019 - 17:00
Continua purtroppo inascoltata la battaglia della famiglia di Locri che lo scorso mese ha riconsegnato le tessere elettorali in Comune per denunciare la cronica assenza di servizi presso la contrada Misovano. Dopo una prima lettera rivolta all’Amministrazione di Locri, che abbiamo pubblicato anche sul nostro giornale in data 2 giugno, la famiglia Panetta-Galluzzo si rivolge adesso al Prefetto di Reggio Calabria con questo secondo scritto.

In data 06 maggio 2019, noi, famiglia PANETTA di Locri abbiamo restituito al Sindaco sia le cartelle elettorali sia le cartelle relative alla TASI per denunciare in modo più incisivo le precari condizioni di contrada MISOVANO dove è la nostra residenza.
Come cittadini avremmo voluto esprimere il nostro voto, ma l’abbandono totale della zona in cui viviamo ci ha costretto a quel gesto estremo.
Con rammarico notiamo poca attenzione per i problemi della vita quotidiana. Infatti, a distanza di un mese on si è mossa foglia.
Saremmo stati gratificati anche da una sola lampadina nei pressi della abitazione o lungo la strada oppure sa un sopralluogo da parte dell’ufficio tecnico del Comune.
Questa lettera non è per “polemica” è solo per segnalare il profondo rammarico di sentirsi lesi nei propri diritti e dello stato di abbandono puro.
N.B.: Non abbiamo cartelle di pagamento inevase eccezion fatta per la TARI 2018.
In attesa di cortese riscontro da parte di codesto Ufficio si ringrazia.

Carmelo Panetta
Immacolata Galluzzo
Giuseppe Panetta

Rubrica: 

Notizie correlate