Locri: La comunità di Moschetta scrive a Saso, il ragazzo morto schiacciato da un trattore

Lun, 27/05/2019 - 11:24

Di seguito la lettera che la comunità di Moschetta di Locri ha scritto a Salvatore Caruso, il giovane di soli 26 anni morto venerdì scorso schiacchiato da un trattore. 

"Tutta la Comunità di MOSCHETTA, sgomenta ed addolorata, si stringe attorno alla famiglia del nostro amatissimo giovane Salvatore. La dignità che hai sempre avuto, ti ha accompagnato fino all'ultimo istante della tua vita. Lasciandoci mentre lavoravi. Come hai sempre fatto. Ti abbiamo visto nascere e crescere, combinare mille marachelle e diventare un ragazzo d'oro. Che emozione organizzarti la festa per il tuo primo compleanno. Quella sera hai giocato da matti e, alla fine, la casetta delle api, ti ha fatto da ninna nanna. Quando zia è partita per l'università, volevi partire col triciclo per andarla a riprendere... e quando, durante un viaggio, hai sentito che bisognava pagare il pedaggio dell'autostrada, hai buttato i soldi dal finestrino. Così la pagavi tu la strada... Eri sempre disponibile con tutti ma, per la tua piccola Principessa, mettevi da parte ogni cosa. Ti amavamo tutti e tu amavi profondamente ogni angolo della tua cara Moschetta. Sei dovuto crescere troppo in fretta, forse per questo i tuoi grandi occhi custodivano tanti progetti e il tuo cuore numerosi segreti. "Vediamo che ci porta", hai detto la notte di Capodanno. Ma nessuno poteva immaginare che il nuovo anno ci avrebbe portato via TE.

BUON VIAGGIO, NOSTRO PICCOLO DOLCISSIMO SASO ❤ da tutta MOSCHETTA!"

 

Rubrica: 

Notizie correlate