Movìmundi - A Path for Gaia prosegue il cammino iniziato a Locri

Lun, 13/05/2019 - 18:20

Venerdì 10 maggio 2019. «Movìmundi è un grido collettivo al femminile… ma è il grido di tutti!». Con queste parole Arturo Rocca, presidente dell’“Osservatorio Ambientale – Diritto per la Vita”, conclude il suo intervento e la staffetta dei contributi di docenti ed esperti che hanno animato il pomeriggio del secondo venerdì di Greta, iniziato con la proiezione di documentari e video-messaggi sui cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile [a cura delle docenti Silvia Capogreco e Maria Mazzei]. È il grido della Terra! E dalla Terra, dalla strada… “We will rock you” – “ti culleremo” – è stato il grido del flash mob, che vogliamo rivolgere oggi alla Terra: ti culleremo, Madre Terra, come tu hai cullato e continui (fino a quando?) a cullare-ospitare noi! È il grido di Movìmundi che non può che essere femminile… perché è grido etico, poietico – profondamente politico! Riconoscersi ospiti è il primo atto etico (da ethos: dimora, casa…) necessario per poter ospitare-cullare e curare-ricreare Madre Terra: vero atto poietico, atto di cura nei confronti della Casa comune, che è originariamente atto femminile...  non perché riguardi solo le donne, ma perché uomini e donne devono rivolgersi alla loro parte femminile (interiore) – l’ANIMA – per poterlo esercitare. Atto mistico-politico rivoluzionario che parte dall’anima, dall’interiorità… e che non è intimismo (cura di uno spazio privato, individualistico) ma un modo nuovo di guardare e abitare il mondo, la Terra, il Cosmo – dal di dentro, da anima ad anima, da soggetto a soggetto –, per ri-creare una “comunità mistico-politica” che è insieme umana e cosmica. “Guardami dentro, guardami dentro!” [dal brano “Mad world” di Gary Julies, cantato da Isabella Orlando accompagnata da Giada Cataldo alla pianola]. Occorre «ricucire i legami e reinventarci la comunità, un orizzonte collettivo a partire dai gesti quotidiani» [Arturo Rocca, citando Raphael Glucksmann in “I figli del vuoto”], da quei gesti di cura che si apprendono e si attuano nelle nostre case e che devono estendersi alla Casa comune. Occorre una “conversione ecologica integrale”, un cambiamento profondo che riguarda le relazioni in ogni ambito della vita e della società – educazione, politica, economia – [Concetta Bosco, docente – citando l’enciclica “Laudato si’”]. “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo” è la testimonianza materna di Rosanna Callipari (docente), citando il Mahatma Gandhi, la Grande Anima. «Relazioni autentiche, di fiducia e rispetto che esigono un lavoro di cambiamento interiore. Perché viviamo in un territorio in cui non si è ancora capaci di amare le persone… per amare un albero ce ne vorrà di tempo!» [Massimiliano Capalbo, scrittore/imprenditore]. Eppure senza gli alberi e le piante la vita sulla Terra non sarebbe possibile. Essi sono il respiro della Terra, gli “amici dell’uomo” [Tina Triunviri, docente]. Riconoscere che siamo tutti legati, interconnessi in una fragile e preziosa trama di relazioni (uomini, animali, piante, cosmo) è il primo passo di un cammino di responsabilità e impegno concreto. Questa è la “sfida etica” alla quale oggi siamo tutti chiamati: non perché dobbiamo, ma perché amiamo! Riscopriamo il “gusto” sapiente della corresponsabilità, dell’agire insieme… non per un imperativo morale, ma per amore e per una consapevolezza nuova. Torniamo ad avere fiducia in noi stessi, fiducia nell’uomo – meravigliosa creatura dell’universo – e nella sua capacità di ricrearsi e “cambiare rotta” per salvare le sorti del pianeta e di tutte le sue creature. Soprattutto dei bambini che, insieme ai “migranti ambientali”, sono le vittime innocenti del riscaldamento globale e dei conseguenti cambiamenti climatici [Giovanna Triunviri, docente]. Riscopriamo il gusto di sognare insieme una vita e un mondo in armonia con la Natura [il sogno del WWF – Martina Comito, vicepresidente del WWF RC]. “I sogni nei quali sto morendo sono i migliori che io abbia mai avuto” [“Mad world”]. Consapevoli che il nostro non è il “mondo perfetto” raccontatoci da Nuccia Drago (psicologa e psicoterapeuta) nella sua fiaba “I draghi filosofi Eraclito e Talete” [letta da Natalia Agostino, Rosalia Catalano e Maria Valentina Agostino]. Ma, aiutati dai bambini (e dal bambino che è in noi) e dalla loro immaginazione, possiamo dare ascolto alla saggezza dei draghi filosofi: queste magiche creature del mondo perfetto che, in ogni epoca di crisi e nuove trasformazioni, scendono sulla Terra – magari sotto sembianze umane – ad annunciarci che un mondo più bello è ancora possibile… e che “l’amore è un’arma invincibile quando ci si crede fermamente”!…

Maria Valentina Agostino

ROCCELLA JONICA
Venerdì 17 Maggio 2019
A PATH FOR GAIA completa la prima fase del suo cammino, dopo Locri e Siderno, facendo tappa in piazza e porto a Roccella Jonica con:
Ore 18:00 -  piazza San Vittorio
cartellonistica “AZIONI EFFICACI PER CONTRASTARE I CAMBIAMENTI CLIMATICI”
di Marilisa Gliozzi e Maria Federico

Flash mob
di Anita Nocera e Anna Pitasi

dalle ore 18:00 a fine evento - piazzale esterno Club House del Porto delle Grazie
1° Mostra d’ Arte collettiva di
MOVìMUNDI
affiancata dalle realizzazioni in riciclo creativo
del gruppo Scout di Roccella

Proiezione di documentari, video- messaggi, video-musicali, immagini e spot su buone pratiche ambientali, cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile a cura di Silvia Capogreco e Maria Mazzei

Ore 19:00 - Porto delle Grazie
Saluti : Amministrazione Comunale e Autorità Portuali
Il Team “Fimmina Tv”
presenta:
l’intervento di Francesco Lombardo: “il porto delle Grazie e il progetto Seabin”
l’Inaugurazione della CERNIA MANGIA PLASTICA
di Nicola Sacco
la Consegna della plastica alla Cernia da parte di
Fausto Certomà ed il gruppo di fitwalking

gli interventi di:
Teresa Nesci: “danni da sversamento d’olio e informazioni su riciclo plastica”
Corrado De Luca: “Fridays For Future Locride”
Martina Raschillà: “Volontari per Natura” –Legambiente
l’Intervento conclusivo di Giuseppe Bombino
Ore 20:15 - Club House Porto delle Grazie
Spettacolo “Fiaba”
(testo di Maria Pia Battaglia - letture di Giovanna Triunveri, Carmen Ferraro, Giovanna Carpentieri, Enza Mandarino, Natalia Pugliese, Antonia Care’ – allieve della scuola di danza Anita Nocera, musica di Gianluca Orlando)
a conclusione
contributi artistici (musiche e canzoni) e cena-buffet
(costo cena 7,00€ presso Darsena Zero, prenotandosi al seguente link:
https://docs.google.com/forms/d/1myU6olYqZfmSYgWcwNdHrcRPJOLCY05l4l4TNlR06jE/edit?usp=drivesdk
entro martedi 14/05/2019)

Rubrica: 

Notizie correlate