Nasce la prima Enoteca Comunale Calabrese

Lun, 07/01/2019 - 12:20
ConVersando…

Si chiama Enoteca Comunale Valle del Neto ed è la prima enoteca istituzionale promossa da un comune calabrese e affidata alla gestione di una cooperativa di giovani. Nel Castello di Santa Severina (XI sec.), considerato una delle antiche fortezze meglio conservate dell’Italia meridionale.
È un’enoteca che nasce “dal basso”. L’ha voluta fortemente il sindaco Lucio Salvatore Giordano, che ha coinvolto la Pro Loco, il Touring Service, l’associazione Borghi più Belli d’Italia e i sommelier dell’AIS Calabria. Ed è anche una creatura delle sette aziende vitivinicole della Valle del Neto, che producono vino nelle valli e sui fianchi addolciti dall’argilla delle colline fra Strongoli, Crotone, Rocca di Neto, Casabona: Borgovalle, Ceraudo, Librandi, Pizzuta del Principe, Russo&Longo, Val di Neto e Vetere.
Per tenere a battesimo l’Enoteca Comunale – un’idea del giornalista Virgilio Squillace – si è tenuto un convegno, “L’Oro di Bacco”, sulle tradizioni più antiche del vino con l’antropologo Fulvio Librandi e lo storico Giuseppe Squillace, entrambi docenti all’Università della Calabria.
Nelle sale del Castello destinate all’Enoteca, la degustazione è stata curata dai sommelier AIS, dei vini delle aziende che hanno aderito all’Enoteca e ricadono nel territorio dell’IGP Val di Neto e accompagnata dalla performance jazz del Corrado Quartet.

Rubrica: 

Notizie correlate

Nicola Morra: "Ostentando il rosario in Calabria, Salvini ha inviato messaggi alla 'ndrangheta"

Mar, 20/08/2019 - 18:00
Nel suo intervento di pochi minuti fa in senato Nicola Morra ha dichiarato: "Il ministro Matteo Salvini ha avviato un tour, non un pellegrinaggio, ed è venuto anche in Calabria, a Isola Capo Rizzuto e Soverato, ostentando pubblicamente il rosario. Ora in terra di Calabria, e qui parlo da presidente della commissione antimafia, ostentare il rosario, votarsi alla Madonna, lì dove c'è il santuario cui la 'ndrangheta ha deciso di consegnarsi, il santuario della Madonna di Polsi, significa mandare messaggi in codice a certe forze che soprattutto uomini di Stato, in particolar modo ministri degli interni, debbono combattere, e non favorire. Ma sicuramente è stato per ignoranza, non per intenzione, perchè voglio concedere che in Italia ci sono 60 milioni di innocenti fino a prova contraria, quindi Matteo Salvini l'ha fatto senza sapere cosa stesse facendo. Quindi Padre, perdonalo perchè non sapeva quello che faceva".