Contro Salvini pur'a Calabria mo s'è arrevotat’

Dom, 18/08/2019 - 12:00

Pare che il comizio di Matteo Salvini a Soverato, sia stato a dir poco turbolento. Fischi, striscioni e cori hanno sgonfiato la megalomania di un "leader" impegnato in un ridicolo beach tour a spese degli italiani, in una vacanza di piacere per marcare il territorio.
La contestazione di Soverato è l'esempio lampante della stanchezza di un popolo, abbandonato da tempo, disprezzato da chi, oggi, finge un'improvvisa perdita di memoria per il proprio tornaconto elettorale.
Ma i calabresi non dimenticano, non tutti almeno, e non perdonano le vecchie, le nuove e le già programmate malefatte, una tra tutte l’imposizione dell’autonomia differenziata, che per molti rappresenterebbe una vera sciagura per il Sud.
E così la notte di San Lorenzo una stella sembra davvero caduta - e che tonfo! - almeno in Calabria. Un rigurgito di orgoglio finalmente si è fatto strada e ha chiesto a Salvini di togliere il disturbo. Lo ha fatto sulle note di "Bella Ciao" ma anche con un sottofondo che a sentirlo intonare ancora oggi mi ha emozionata: "Brigante se more", un testo scritto negli anni Settanta da Eugenio Bennato e Carlo D'Angiò, una canzone che immaginarono potesse essere rivolta dai briganti del Sud contro l'invasione del Nord negli anni dell'unificazione del regno d'Italia, un’invenzione fatta con grande dedizione al rispetto della storia tanto da sembrare un canto autentico risalente al 1860.
Col massimo rispetto nei confronti di questo capolavoro che ancora oggi unisce il Sud più di qualunque bandiera, mi sono permessa di apportare qualche modifica per adattarlo alla situazione attuale.

Simme venut' cu fischiett' e strisciun'
pecchè sta musica s'ha da cagnà
restamme brigant' e non n'ce mettimm' paura

e' chi cu e' suoì imbrògl'  c' vorrebb' incantà.

E mo cantam' 'sta nova canzone
tutta la gente se l'ha da 'mparà
nun ce ne fott' e chist' buffon'
nui n'a volimme a soj volgarità.

Chian' chian' tutt se so scetat'
stanno propeto stànc' e mo vogliòn luttà.
Pure a Calabbria mo s' è arrevotat'
e 'stu nemic' o facimm' tremà.

Ha sparso e rispàrs odiu e pauri,
data ppe buon' a soj verità.
Ha ritt ch'esistunu creatur' e creatur'
e ca o stranieru avimm' 'a caccià.

Quanta è a' gente ca e' ha dat' o cor',
ra nord a sud iss' è  o capitàn,
quanto simm' fess', avimm' scordàt
quann ci faceva uerra senza pietà.

'Omm' s' nasc' brigant' s' mor'
ripigliamoc' a' nostra identìtà,

nun ci facimm' fottèr ra n'impostor'
è na bestemmia pe' 'sta libertà.

******

Siamo venuti con fischietti e striscioni
perchè questa musica deve cambiare
restiamo briganti e non ci spaventa
chi con i suoi imbrogli ci vorrebbe incantare.

E adesso cantiamo questa nuova canzone
tutta la gente la deve imparare
non ce ne frega di questo buffone
noi non la vogliamo la sua volgarità.

Piano piano tutti si stanno svegliando
sono proprio stanchi e adesso vogliono lottare.
Pure la Calabria adesso si è ribellata
e questo nemico facciamo tremare.

Ha sparso  e risparso odio e paure,
data per buona la sua verità.
Ha detto che esistono razze e razze
e che lo straniero dobbiamo mandar via.

Quanta gente gli ha dato il cuore
da nord e sud lui è il capitano,
quanto siamo fessi, abbiamo dimenticato
quando ci faceva guerra senza pietà.

Uomini si nasce , briganti si muore
riprendiamoci la nostra identità,
non ci facciamo fottere da un impostore
è una bestemmia per questa libertà.

Autore: 
Maria Giovanna Cogliandro
Rubrica: 

Notizie correlate